Marzo 12, 2021

Tonnellate di terreno a casa e l’assicurazione non lo copre

Non solo i cofrades guardano con preoccupazione in questi giorni a Darling. Venti vicini vicini di vicinato Genil, residenti nel tram di urbanizzazione della Sierra Nevada, alza la vista senza essere in grado di contenere lacrime. Le piogge hanno causato un atterraggio di terra che letteralmente inghiottiva, due delle case e minacciano di divorare quelli che ancora sopportano. Il fango ha inghiottito i cortili posteriori, scoppiando finestre, porte e partizioni e sprecare la tranquillità delle sette famiglie sviluppate per due settimane per il rischio di alleud.

oltre a passare attraverso la trance di perdere le loro case ieri di quelli colpiti avevano la risposta negativa della sua assicurazione. Con lettera, l’assicuratore lo ha informato che la politica controversa esclude che copre il danno causato dalla valanga del fango. Un altro artiglio per una famiglia che lo ha perso praticamente tutto.

Ieri i vicini non potevano contenere lacrime durante la visita che hanno fatto l’urbanizzazione colpita dalla frana del presidente del Consiglio provinciale, Sebastián Pérez, che è stato accompagnato In ogni momento dal sindaco di Pinos Genil, Enrique Jiménez. Il Regamor ha dovuto affrontare il nervosismo di uno degli inquilini delle case colpite, che ha aumentato che negli ultimi anni non avrebbe partecipato alle affermazioni dei vicini, che dicono, aveva chiesto al Consiglio comunale di agire anni fa per evitare anni Ciò che è avvenuto finalmente. “Questo non sopporta nessuno”, rispose uno quando Jiménez ha detto che il costante “fa tutto il possibile”. “In precedenza hai rifiutato,” un altro vicino è stato aumentato, incapace di contenere se stesso. Sebastián Pérez è stato a tutti i tempi conciliante e certo che “Vengo per aiutare”. Il presidente della Diputación ha presentato che sarà richiesto il governo centrale e l’aiuto economico autonomo per le sette famiglie, oltre a mettere i macchinari della diputación “al servizio del Consiglio comunale” per svolgere i compiti di pulizia e ritiro del fango delle case.

Dopo essere stato sfrattato due settimane fa, le sette famiglie sono state ospitate negli hotel. La scorsa settimana se alcuni hanno dovuto spostare i pavimenti in affitto da quando il municipio non poteva permettersi il soggiorno presso gli hotel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *