Marzo 2, 2021

Primo piano quinquennale dell’Unione Sovietica

il primo piano quinquennale dell’Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche, che ha iniziato l’industrializzazione (in russo: Индустриализация, traslitterato come industrializzazione) di quel paese, Era una lista di obiettivi economici progettati per rafforzare l’economia dell’URSS tra il 1928 e il 1932, alla fine contribuendo a rendere quel paese autosufficiente dal punto di vista industriale e militare.

Poster del primo piano quinquennale:” Promfinplan aritmetico: 2 + 2 più l’entusiasmo dei lavoratori = 5 “. Dal Guminer Yákov. 1931

A questo proposito, nel 1931 il leader sovietico Supreme Iisif Stalin ha detto che:

“Siamo 50 o 100 anni dietro i paesi avanzati. Dobbiamo abbreviare questa distanza in 10 anni. Oppure lo facciamo, o ci schiacciamo”

lanciato dal governo stalinista nel 1928 e somministrato dalla nuova Agenzia di New State o Gosplan, il primo piano quinquennale ha utilizzato tattiche come la manutenzione di record dettagliati di ogni bene o oggetto fabbricato nel Unione Sovietica per discutere per inviarlo a dove ne avevo bisogno in un certo momento (idea almeno concettualmente simile al metodo aziendale moderno appena in tempo o, in inglese, appena in tempo).

Uno dei Gli obiettivi principali del primo piano quinquennio consistevano nello sviluppo dell’industria pesante del paese. Allo stesso modo, nel 1929 Stalin stesso ha deciso di modificare le linee guida del Pianifica di includere i Koljoses poi recentemente creati (Kolkhozi). Queste principali fattorie collettive sono state ampliate attraverso migliaia di ettari di terra e avevano centinaia di contadini che lavorano su ciascuno di essi.

La creazione di queste fattorie attraverso la collettivizzazione forzata, essenzialmente distrutta i Kuláks (contadini relativamente ricchi) come a La classe sociale e ha anche portato al sacrificio di milioni di animali da fattoria che i contadini preferivano uccidere invece di essere consegnato alle autorità confiscate.

Questi gravi debug hanno portato a una carestia in Ucraina (conosciuta localmente come Holodomor) , Russia, Kazakistan e in alcune aree del Caucaso settentrionale, che ha letteralmente ucciso milioni di persone affamate. Oltre a questa disastrosa perdita di vite umane, l’introduzione di fattorie collettive ha permesso ai contadini di indossare trattori per lo styling o coltivare la terra, a differenza di prima, quando la maggior parte di loro era stata troppo povera per avere uno di quelli.

Le stazioni statali dei trattori sono state stabilite attraverso l’URSS e i contadini sono stati autorizzati a usarli fino alla terra, aumentando la produzione media di cibo da parte di contadini. Inoltre, i contadini sono stati autorizzati a vendere le eccedenze della loro produzione alimentare

Tuttavia, i pianificatori di stato non sono riusciti a essere consapevoli delle diverse situazioni locali, che di solito pianificano da Mosca invece di essere in situ.

Nel 1932 la produzione di grani era diminuita del 32% rispetto alla sua media precedente, mentre, per peggiorare ancora più cose, la domanda di cibo è aumentata del 44%.

La produzione agricola è arrivata a deteriorarsi così tanto che scoppiava focolai esplosi in diversi distretti.

L’introduzione della collettivizzazione ha migliorato l’industrializzazione del paese, come diversi milioni di agricoltori o abitanti rurali – che erano arrivati a storicamente per rappresentare qualcosa di meno dell’80% di La popolazione totale del paese – si è trasferita dalla campagna alla città, avviando il fenomeno dell’urbanizzazione sovietica che caratterizzerebbe il paese durante i prossimi decenni, fino a prima della dissoluzione L’URSS alla fine del 1991.

Sebbene alcuni degli obiettivi siano stati incredibilmente elevati (come un aumento del 250% previsto per la produzione industriale totale e fino al 330% di espansione nel settore pesante in particolare), alcuni notevoli I risultati sono stati raggiunti, come si può vedere nella tabella semplice mostrata di seguito:

r) (tonnellate di milioni di tonnellate.)

produzione Produzione ottenuta Produzione del 1928 Produzione prescritta dal piano
Acciaio (milioni di metriche tonnellate) 5.9 4.0 8.3
carbonio (milioni di tonnellate) 64.3 35.4 68.0
Elettricità (milioni di kWh o kilowatts-hour) 13.400 5.000 17.000
Iron in lingotti o ghisa (milioni di tonnellate) 6.2 3.3 8.0
21.4 11.7 19.0

Tuttavia, mentre il piano ha incoraggiato l’industrializzazione, è arrivato a danneggiare l’agricoltura di soavetta per questa misura che questo non poteva riprendersi fino a dopo il secondo mondo di guerra (1939-1945). Tuttavia, la leadership sovietica ha ritenuto che questo fosse stato così successo che nel 1932, l’anno in cui è stato ufficialmente concluso, un secondo piano quinquennale è stato dichiarato per il periodo 1933-1937.

A causa della fiducia Del piano in rapida industrializzazione, grandi cambiamenti sociali che li hanno accompagnati dovrebbero verificarsi in tandem. Come sorgere il nuovo ordine sociale derivante dalla collettiva comunista, i conflitti sono emersi tra alcune delle popolazioni nomade. Ad esempio, nella Repubblica Century Repubblica del Turkmenistan, la politica sovietica di collettivizzazione ha cambiato la sua produzione di colture alimentari di cotone. Tale modifica ha prodotto disagio all’interno della comunità preesistente a questa regolazione esterna tra il 1928 e il 1932, cioè tra gli anni di esecuzione del primo piano quinquennale sovietico. I nomadi e i contadini turkranos hanno chiarito alcuni metodi come la resistenza passiva che non sono d’accordo con tali politiche. Questo cambiamento della produzione ha indubbiamente aiutato la conformità al minimo parziale degli obiettivi ufficiali sovietici (sul margine del fatto che alcune repubbliche dell’Asia centrale come il Turkmenistan o l’Uzbekistan erano in realtà più adatte per la produzione di cotone dei grani) ma ha prodotto un certo grado di disagio tra la popolazione locale durante quel periodo di grandi cambiamenti socio-economici.

D’altra parte, anche tra il 1928 e il 1932, un progetto segreto di investimenti stranieri privati con aziende eccezionali degli Stati Uniti effettuato che ha consigliato il governo sovietico in termini di costruzione industriale, che serviva come apprendimento per i tecnici sovietici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *