Marzo 10, 2021

Nuovo sistema educativo in Giappone

Oggi il Giappone formalizza il nuovo sistema educativo in Giappone, è il rivoluzionario che forma i bambini come “cittadini del mondo “Non come giapponese. Un piano pilota rivoluzionario chiamato” Futoji no Henko) è stato testato in Giappone (Futoji no Henko), basato su programmi educativi Erasmus, Grundtvig, Monnet, Ashoka e Comenius. È un cambiamento concettuale. Ca genereranno e accetteranno diverse culture e i loro orizzonti saranno globali, non cittadini. Il programma di 12 anni, si basa sui concetti:

  • materiali di riempimento zero.
  • Attività zero.
  • e ha solo 5 soggetti, che sono:
  1. Aritmetica aziendale.
    Operazioni di base e uso dei calcolatori finanziari.
  2. lettura.
    Inizia a leggere un foglio giornaliero dal libro che ogni bambino sceglie e finisce per leggere un libro a settimana.
  3. civic.
    Comprendere questo, come pieno rispetto delle leggi , valore civile, etica, rispetto per le regole di coesistenza, tolleranza, altruismo e rispetto per ecologia e ambiente.
  4. computing.
    ufficio, internet, social network e business on-line.
  5. Lingue.
    4 o 5 alfabeti, culture, religioni, tra giapponese, latino, inglese, tedesco, porcellana, arabo; Con la socializzazione delle visite di scambio a famiglie di ogni paese durante l’estate.

Quale sarà il risultato di questo programma?

Giovani che hanno 18 anni parlato di 4 lingue , Conoscono 4 culture, 4 alfabeti.

  • sono esperti in uso dei loro computer e telefoni cellulari come strumenti di lavoro.
  • Leggi 52 libri ogni anno.
  • Rispetta la legge, l’ecologia e la convivenza.
  • Gestire la business aritmetica e finanza al dito.

contrario a competere i nostri figli! E chi sono i nostri figli?

• Ragazzi che conoscono di più sul pettegolezzo della moda, che conoscono e conoscono i nomi e la vita dei famosi artisti, ma nulla di storia, letteratura o matematica, tra gli altri. ..

• Ragazzi che parlano solo spagnolo più o meno, che hanno ortografia terribile, che odiano i libri di lettura, che non sanno come fare riepiloghi, che sono esperti in “copia” durante gli esami durante gli esami e eludere le regole agli occhi dei genitori ed educatori.

• Ragazzi che trascorrono più tempo a guardare e imparando le stupidaggine delle partite e degli idoli di Internet, della televisione o della “calcio”, che studiano o leggono quasi senza Capire ciò che leggono, e per questo motivo credono che un calciatore sia superiore a uno scienziato.

• Ragazzi che sono i cosiddetti homo-video, poiché non sono adeguatamente socializzati, ma
che sono zombi stupidati, iPhone e Android, tablet, skate, Facebook, Instagram, chat; dove parlano solo delle stesse stupertuosità che elenchiamo prima o con i giochi per computer, in un chiaro isolamento che conosciamo come autismo cibernetico e attento contro la libertà, l’istruzione, contro la loro autostima, l’autonomia, contro il rispetto per i loro genitori o vicini, Contro l’ambiente, la solidarietà, la cultura e promuovere l’allarmante egoismo che lascia una società cieca

penso che abbiamo molto lavoro da fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *