Febbraio 28, 2021

La filosofia del Joker

x

privacy & Cookies

Questo sito utilizza i cookie. Con continuazione, si accetta il loro uso. Per saperne di più, incluso come controllare i cookie.

ha capito!

pubblicità

Ci sono caratteri che segnano generazioni. Di solito, parlando di questo è parlare della storia degli eroi. È interessantemente interessante come il personaggio ha superato la letteratura al momento. C’è qualcosa che intrappola dietro il clown psicopatico della città gotica ed è che ha un punto. Quel punto parla di più su di noi che da se stesso. La follia che significa accettare che qualcuno ha ragione ci porta a mettere in discussione la sanità mentale delle nostre convinzioni. Questo tema succoso in cui lo scherzo oscilla tra uno psicopatico o un filosofo ha generato innumerevoli profitti in un momento che piange al clown come carattere della sua generazione. Questa è la filosofia del Joker.

A differenza del famoso film di Nolan, è abbastanza comune per Joker avere una storia che lo spiega. La sua prima versione deriva dalla prima edizione della serie ‘Detective Comics’, negli anni ’50; L’inizio della storia di Batman. La storia è semplice. Il Gutover era un cattivo comune che ha risposto al nome del cappuccio rosso. In una lotta con Batman cadde in un barile di rifiuti chimici e un nuovo cattivo emerso da lì. Mentre i decenni sono passati, il grilletto del Joker è andato dall’essere sostanze chimiche alla società e alla durezza della vita attuale. Bene, se il male in piena guerra fredda era rappresentato attraverso pericoli chimici, noi stessi siamo il nuovo pericolo di questa volta. Alan Moore, nel 98 °, rappresenta questa nuova versione dell’origine del Joker con “lo scherzo uccidendo”, fumetti in cui la Guda sostiene che tutti sono in una brutta giornata di finitura come lui.

A livello psicologico, tutta la mitologia del mondo Batman è basato sul trauma. Nel frattempo, per Bruce Wayne, perdendo i suoi genitori era la causa di diventare una violenta vigilante ad ogni costo; Il trauma di quella pessima giornata ha indotto il Joker di essere inclinato verso l’assenza di significato. Tuttavia, le implicazioni delle loro posizioni sono più filosofiche. La Guda non ha giustificazione o scuse personali per agire come atti. Il suo punto è dimostrare che avere una bussola morale non ha senso perché il mondo non ce l’ha con uno. Per lui, il caos è giusto e la giustizia di forgiatura è una dichiarazione sociale. L’assenza di un indirizzo è l’incentivo che dà origine alla libertà senza consapevolezza che ne vale la pena per il clown gotico della città.

Il Joker non è Nietzschean, piuttosto esistenzialista; Forgiato sotto una prospettiva tetrica del morale di Sartre, che nell’essere e nulla esprime una filosofia che va dall’individuo al sociale. La moralità filosofica in cui Sartre e La Guesto è uno in cui ognuno è responsabile per il proprio significato. L’esistenzialismo che segna il filosofo e lo psicopatico è quello che difende la libertà per tutti. Per entrambi, la libertà è quella che dà significato all’esistenza umana e perderlo comporta idealizzare le leggi, la moralità ed etica di semplici individui senza motivi di esistere. Perdere il significato dell’esistente è tradotto di non accettare la libertà che supporta una corretta visione della vera società e la vera regola tradizionale attraverso un’etica nata dal desalna.

joker.gif

Il problema, e ciò che lo differenzia da Sartre, è che per il Joker la libertà che dà senso La sua vita dal suo trauma è disallineata alle convenzioni morali che la società definisce. Batman vuole che il Guasone accettasse le convenzioni morali e vuole che Batman e la società venisse rilasciata per perdere il suo ingenuo senso di moralità. Ciò che rende la filosofia di Joker molto pericolosa è che è cosciente che sta agendo vivamente e non crede che il suo obiettivo sia benevolo. Il Gutover è un radicale che, lungi dal credere che il mondo sia vile e caotico allo stile Hobbesiano, vuole distruggere ogni concetto di bene.

Il fatto che Joker ritiene che la libertà sia necessaria per dare un senso all’esistenza non implica che i suoi obiettivi siano benevoli e di conseguenza male. La banalità del Mal di Arendt non si applica per il Gutovenish perché il male che fa sì che le sue vittime non siano il prodotto di un’obbedienza cieca o di una fine giustificabile. Jean Baudrillard, con la trasparenza del male e Philip Zimbardo, con l’effetto Lucifero, sostengono che il male è completo indifferenza per il bene. Un contrario deliberato nella stessa idea. Per Baudrillard, la concezione del pozzo radicale di Batman è impossibile da raggiungere perché il male è radicalizzato nella stessa misura del bene e non gli permette di raggiungere i suoi obiettivi.Per Zimbardo, le condizioni necessarie della radicalizzazione del bene fanno delle persone buone peggiori e peggiorano.

Sotto la cornice di Sartre e con le intenzioni che BAUDRILLARD e Zimbardo spiegano, il Joker vuole corrompere la comprensione delle persone “buone” che si sono convocate come “brave persone”. La chiave per distruggere il bene è far esitare le persone se sono buoni. Guoven non ha problemi patologici, ma esistenziali; Perché vede quanto sia fragile la moralità convenzionale. Sottoprendo le convenzioni del morale non solo implica la pratica del male, ma di dimostrare quanto siano assurdi. Ecco perché l’umorismo del Joker è così caratteristico del suo personaggio, perché il clown vuole sottolineare quanto ridicole le incoerenze tra ciò che la gente dice è e cosa è in realtà. Alla fine, lo scherzo finale è dimostrato che ciò che tutti ridono è ciò che ride di loro, e giustamente. Lo scherzo finale è che tutti possono essere. Qualcuno cattivo.

‘joker’, il nuovo film, propone una narrazione in cui la salute mentale è una parte fondamentale della filosofia di questo personaggio. La salute e la normalità saranno problemi che saranno esplorati in Guvevede d’ora in poi. La manifestazione di un malato è come una massima espressione dell’onestà a se stessi, perché essere sani implica cercare di essere come gli altri e auto-negato, è la linea principale su cui viene riformata la filosofia di questo personaggio. Accettare l’assenza di salute in cambio di un’esistenza autentica e senza retorica ipocrita come quelle proposte dal General Moral System è la nuova direzione che il personaggio sta prendendo. Nel frattempo, c’è da aspettare il parere popolare e intellettuale di cui il film preferito del 2019 perire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *