Marzo 20, 2021

Il processo copre, Voltaire e il trattato sulla tolleranza

x

Privacy e cookie

Questo sito utilizza i cookie. Continuando, accetti il tuo uso. Ottieni maggiori informazioni; Ad esempio, su come controllare i cookie.

capito

annunci

Nel novembre 1761 ci sono voluti Posto a Tolosa, Francia, un processo per omicidio la cui influenza determinerà ciò che conosciamo oggi come il diritto fondamentale alla libertà religiosa o la libertà compresa in conformità dell’articolo 18 della Dichiarazione universale dei diritti umani del 1948:

“Tutti hanno il diritto alla libertà di pensiero, della coscienza e della religione, questo giusto include la libertà di cambiare religione o credo, così come la libertà di manifestare la sua religione o la sua fede, individuale e collettivamente, sia in pubblico che in privato, insegnando , Pratica, Cult e Osservanza “

è il ben noto processo Jean Calas, un processo in cui fanatismo e odio religioso principalmente in precedenza dei test. Ma vediamo prima di quello che stava accadendo in Francia con le religioni.

La revoca dell’editto di Nantes

L’editto di Nantes ha autorizzato la libertà protestante in Francia. È stato firmato da King Henri IV, Enrique IV, nella suddetta città intorno al 1598. Grazie a questo editto, le guerre della religione sono state concluse tra cattolici e protestanti che durante il sedicesimo secolo Francia.

di quelle guerre sono ancora ricordati gli episodi come le terribili uccisioni di San Bartolomé del 1572, dove sono stati uccisi circa 3.000 protestanti a Parigi e qualche migliaia di altri in Francia. Siamo rimasti di quei tempi la famosa frase “Parigi merita una massa” attribuita a Enrique IV, re protestante che era diventato cattolicesimo per poter accedere al trono francese nel 1593. La Francia era uno stato cattolico e protestante allo stesso tempo, Sebbene, sebbene il protestantesimo fosse in inferiorità delle condizioni, la situazione non è stata davvero desiderata. Enrique IV è anche accreditato con la seguente frase: “Avrei preferito perdere un braccio per raccogliere tutti i tuoi soggetti nella stessa credenza.”

Rappresentazione del massacro di San Bartolomé secondo François Dubois con il Louvre Palace of Scenario. 1572-1584. Mcba

Ma i tempi cambiano, con loro i re e le loro politiche. King Luigi XIV, King Sun, il prototipo monarca assoluto, considerato un vantaggio per unificare lo stato sotto una singola religione, così ha deciso di implantare il cattolicesimo in tutto il territorio francese, rendendo il suo famoso motto: “Una fede, una legge, un re” (Une foi, une loi, un roi). A tale scopo, il monarca ha iniziato a utilizzare il sistema della Dragonada: un metodo semplice e semplice di estorsione. I draghi erano militari-missionari del re che dovevano essere ospitati e nutriti nelle case dei protestanti. Se questo carico non è stato sufficiente, i draghi potrebbero vederli finché non ricevono la giustificazione della confessione protestante. Infine, il 18 ottobre 1685, il monarca decise di lasciare l’estorsione e iniziare la persecuzione. Attraverso l’editto di Fontainebleau, è stato decretato come l’unica religione legale al cattolicesimo in tutto il territorio francese revocando l’editto di Nantes. Sebbene l’editto del 1685 abbia garantito la libertà di coscienza, era l’inizio dell’esilio per molti dei protestanti. La punizione capitale contro i pastori sorpresi è stata fondata esercitando. E ‘stato permesso di non essere cattolico ma con conseguenze molto negative. Louis XV (1715-1774) continuerà con la politica assolutista e procabile di suo padre.

editto di fontainebleau

Louis XIV

dragonadas

il processo contro la famiglia di Calas. Tolosa 1761.

I fatti

I fatti che hanno motivato il processo a Jean Calas hanno avuto luogo nella città di Tolosa nell’ottobre 1761.

La famiglia di Calas, Formata dal matrimonio di Anne Rose Cabilel e Jean Calas, da oltre 40 anni era impegnato nel commercio di tessuti nella città di Tolosa. Jean Calas era il capo della famiglia con 63 anni, erano protestanti. Avevano sei figli: quattro bambini e due figlie.

Louis Calas, il terzo figlio del matrimonio, non viveva con loro, aveva 25 anni nel 1761. Divenne cattolicesimo cinque anni prima a causa dell’influenza di Jeanne Viguière, il Servo Casa Casas Católica per più di 25 anni.Praticamente, era colui che ha sollevato i suoi sei figli; Jean Calas sapeva che fintava che la famiglia divenne cattolicesimo, ma non lo ha mai rimproverato che suo figlio abjurara e le teneva a casa, la trattava sempre con rispetto. Louis Calas si è rotto con la sua famiglia, non funziona con loro e viveva sul reddito che suo padre doveva pagarlo. Secondo un vero ordine del 17 giugno 1681, il figlio di un protestante è stato permesso all’arrivo all’arrivo all’età di 7 anni, avendo la sua persona, ad indurre la religione dei suoi genitori e chiedere una pensione alimentare di vivere fuori dalla sua famiglia.

Marc Antoine Calas, è stato il figlio più antico, aveva 28 anni, ha studiato il diritto di essere un avvocato, ma la legislazione anti-protestante non gli ha permesso di esercitare quella professione riservata ai cattolici così si dedicò al Commercio di tessuti con suo padre.

La notte del 13 ottobre 1761, la famiglia si riunì per cenare al secondo piano del negozio del negozio. Sul tavolo quella notte era un ospite, Gaubert Lavayse, un amico di Marc-Antoine e il fratellino, Pierre Calas. Gaubert, era appena arrivato da Bordeaux, aveva 19 anni ed era il figlio di un famoso avvocato di Tolosa.

Dopo la cena di famiglia, intorno alle 19:30, Marc-Antoine, come era solito fare, Lasciò la casa in rue des Filatiers (n. 50, al momento un poster ci dice la casa) a camminare di notte.

intorno alle 22:00 P.M., la lavanda decide di andare in pensione e il suo amico Pierre Calas lo accompagna trasformando una candela per scendere per la strada. Sarà quando si scoprete entrambi a Marc-Antoine sospeso da una corda tra le due porte che comunicano la casa dalla tenda della tenda delle calette. Padre di grido spaventato Jeans Calas. Jean e suo figlio Pierre decidono di abbassare il cadavere. Nel frattempo, amico Lavayse corre per cercare un medico.

I singhiozzi e le urla delle calette attraversano le pareti e una folla si incontrano immediatamente davanti a casa tua.

Questa folla non conosce la causa della morte di Marc-Antoine, poiché le insenature accettano di non rivelarlo. Il suicidio è un disonore, un peccato terribile negli occhi dei cattolici. I corpi deceduti dei suicidi, furono sottoposti a prova e poi trascinavano nudi attraverso la città fino a quando non fu appeso al forno per esposizione pubblica come stabilito dall’ordinanza criminale del 1670.

immediatamente, i vicini, emessi Accusa: i protestanti Calas assassò suo figlio Marc-Antoine perché voleva diventare cattolicesimo. Avviso con il clamore pubblico, il capitoul, il magistrato municipale che deteneva la giustizia in città, David de Beaudrigue, è intervenuta con la forza pubblica. Era 00:30 di notte.

Quando raggiunse la scena, il giudice esamina brevemente il cadavere e conclude che “non era morto per cause naturali”. Il magistrato comanda l’arresto di tutti gli occupanti della casa: i genitori della vittima, il figlio Pedro, la cameriera, il giovane lavayse e ha causato il trasferimento del cadavere al municipio.

L’arresto delle calette. Casimir Destrem. 1879

L’istruzione di processo clasas

il 14 ottobre nel pomeriggio, il capitoul, David de Beaudrigue, prendere Una dichiarazione per Jean Calas, che risponde dubbioso sulle cause della morte di suo figlio.

Secondo il Padre e il figlio Pierre, Marc-Antoine fu trovato morto sul pavimento mentre la porta del negozio era chiusa.

Il giudice conclude che Marc-Antoine è stato ucciso da una persona presente in casa, anche come una cameriera sospetta anche se fosse un debolo cattolico.

Durante il secondo interrogatorio, il 15 ottobre, vedendo la svolta degli eventi, Jean Calas cambia la versione dei fatti e indica che suo figlio si è suicidato: afferma che ha scoperto che Marc-Antoine impiccava e ammette Avere mentito per preservare l’onore della tua famiglia. Ma è troppo tardi, il capitoul non crede più e vuole un’autentica confessione del crimine secondo le sue idee e quelle della popolazione: hanno ucciso il figlio perché voleva essere cattolico. L’unico che ha dichiarato fin dall’inizio la versione del suicidio è stata l’amica Gaubert Lavayse.

capitouls di Tolosa Anno 1663-1664 Livre ix des Annals

Il pubblico ministero del re, Pimbert, decide di ricorrere all’uso di chiamate, monitoraggio, che erano una specie di testimonianza con sacerdoti, facendo nove problemi o domande con l’intenzione di dimostrare una trama familiare contro il bambino a prevenire il diventare il cattolicesimo.Il primo di loro disse: “Contro tutti coloro che conoscono o meno, che il signor Marc-Antonie Calas Mayor avesse rinunciato alla religione che è ristrutturata, in cui era stato educato; chi ha partecipato alle cerimonie della Chiesa cattolica romana; è stato presentato nella Corte di Penitenza, e che doveva rendere l’abbigliamento pubblico dopo la corrente di ottobre e contro tutti coloro che Marc- Antonie Calas avevano parte della sua risoluzione “.

Ottieni 87 affermazioni che Non aggiungere alcun elemento decisivo. I Testimoni erano piuttosto interrogati che sentiti: non sono stati autorizzati a dire più di quello che volevo sentire.

Il monitor è stato letto nel pulpito, ha fissato attraverso gli angoli e inviati a tutti coloro che hanno sentito o altro, hanno dovuto rivelare un po ‘di fatto, lo dichiararono dinanzi ai giudici o davanti ai parroci.
La giustizia del vecchio regime in Francia ha seguito la regola che qualsiasi dichiarazione volontaria di un testimone dovrebbe essere respinta nella preoccupazione, testicolo Offerte repellitur per testimonianza; Inoltre, il convenuto non aveva il diritto di citare testimoni. Pertanto, tutte le testimonianze erano o richieste dall’autorità giudiziaria o dai sacerdoti.

Il 16 ottobre, è stata presa la casa delle insenature delle calette e nulla è stato trovato nulla che indicava la conversione cattolica del figlio; Né libri di devozione, né rosari.
Il 19 ottobre, l’autopsia del cadavere era stata effettuata.

Nel frattempo, l’8 novembre, Marc-Antoine fu sepolto con grande pompa secondo il rito cattolico. La bara è stata accompagnata dalla tomba per più di quaranta sacerdoti e una folla esaltata. Marc-Antonie era un martire, un nuovo santo, i tolosani avevano già condannato, in anticipo, alle calette.

La processione dei cadenti dei cadenti della Cattedrale di Tolosa. Jean II Michel intorno al 1700. – Olio Musée des Augustins. Tolosa.

La prova alle calette

Una prima prova ha avuto luogo il 18 novembre 1761, un mese dopo gli atti.

La Corte è stata composta da quattro giudici capitolari, due dei quali hanno partecipato all’inchiesta e tre consulenti.

I convenuti si difendono da soli. Infatti, gli avvocati sono stati esclusi dalla fase di ricerca dai Villers-Cotterêts 15339 agosto (articolo 162) ad eccezione di alcune diligence o ricordi.

Memoria scritta 3 mesi dopo l’arresto delle calette familiari eseguite dall’avvocato sudere

Il procuratore del re, Lagane, richiede la pena di morte per il Padre, la madre e il figlio della famiglia di Calas, le galee perpetua per lavayse e una prigione di cinque anni per il servo cattolico Viguière.

Dopo le lunghe discussioni, ascoltando testimoni e due sessioni di voto, i giudici lo considerano colpevoli e condannavano le calette a subire una questione di tormento ordinario e straordinario e lavayse e la cameriera Viguière per essere presente durante questi interrogazioni di tormento. A Tolosa, il punto ordinario del tormento, per provare la confessione dopo la frase, è stato condotto allungando i membri del condannato da stringhe e la straordinaria domanda usando acqua, inghiottire l’acqua per ottenere l’ammissione del crimine.

Rappresentazione del problema straordinario dell’acqua

I convenuti hanno presentato ricorso al Parlamento Tolosa. Il procuratore Lagane ha fatto lo stesso, trovando la frase insufficiente.

la frase in fascino del Parlamento di Tolosa

In questa istanza di appello prima del parlemento di Tolosa, le calette avranno il Lord Sudre come avvocato che manterrà l’assenza di prove inconfuuibili dell’omicidio di Marc-Antoine e nessuna confessione.

I Tredici giudici del Parlamento saranno molto suddivisi nel destino degli imputati. Avrai bisogno di dieci sessioni per ottenere la maggioranza richiesta.

Infine, il 9 marzo 1762, il Parlamento condanna Jean Calas alla pena di morte per 8 voti contro 5. Verrà sottoposto alla questione del tormento ordinario e straordinario per confessare il suo crimine.Si risolve che per governare gli altri imputati, i giudici attenderanno la confessione del Padre, Jean Calas.

Endrating of Scale Forember to your Family

Il set di istruzione:

  • 1 °) che Jean Calas soffrebbe di una questione di tormento ordinario e straordinario, per strappare la confessione del loro crimine, complicità e circostanze;
  • 2nd) che in camicia a piedi nudi e scoprì la testa, sarebbe guidato in un carrello dalle prigioni del palazzo alla cattedrale, e che lì, in ginocchio davanti alla porta d’ingresso , con una candela di cera gialla di due chili di peso, l’esecutore della giustizia lo renderebbe ritrattazione pubblica e chiedere il perdono di Dio, il re e la giustizia dei suoi mali;
  • 3º) che dopo aver fatto tornare al Il carrello menzionato, il borsetto lo porterebbe a St. George Square, dove su un tavolo si spezzerebbe e fare pezzi gambe, cosce, braccia e reni;
  • 4º) Fatto questo, lo stesso esecutore ti porterà e messo su una ruota, gettata su, in modo che vive lì soffrendo dei suoi rami di ratti e del male e di servire come esempio e instillare il terrore al male tutto il tempo che ha plazcato al Signore dargli la vita

La mattina del 10 marzo 1762 Jean Calas, esaurito, non variare YC Emetterà che è innocente e anche quelli che lo circondano. Nel pomeriggio, supporta il tormento della ruota. Durante il tormento, Jean Calas è rimasto dignitoso e fermo, ha lanciato un singolo grido a ciascun colpo e non ha confessato nulla, tranne che voleva morire come protestante. Chiamò Dio a testimoniare e lo pregò di perdonare i suoi giudici.

Dopo due ore sul volante, il boia lo ha strangolato e poi gettò il suo corpo nel fuoco. Le sue ceneri erano sparse dal vento.

Il 17 marzo, i giudici si riuniscono di nuovo, senza alcuna confessione, decise di bandire le calette di Pierre di Tolosse, su Adiacenti, e assolve la signora Madame Calas, Lavayse e la cameriera.

Questa seconda frase diversa per gli altri membri della famiglia, l’amico e la cameriera, la prova che i giudici avevano commesso un errore con Jean Calas, era innocente. Non è preso in considerazione che Marc Antonie aveva perso, giorni fa, soldi scommesse; Che i vestiti di Marc Antoine erano piegati e lasciati al bancone; Possa il Padre, Jaen Calas, era impossibile che con la sua età potesse uccidere e appendere il suo figlio di 28 anni senza aiuto dalla sua famiglia e senza la morte perché né il cadavere né i vestiti avevano segni di difesa o combattimento. Non è preso in considerazione che la cameriera cattolica non parteciperebbe mai a una trama protestante e, ancor meno, per uccidere un futuro cattolico. Per quanto riguarda la madre avevano già un figlio cattolico, per quello che una madre vorrebbe uccidere il suo altro figlio? Se il Padre era colpevole, deve essere stato aiutato dal figlio Pierre, che è distrutto, e per il suo amico, a cui si assolve.

La famiglia di Calas, rovinata, ha lasciato la città. La casa aveva sofferto un saccheggio continuo dal giorno della morte di Marc Antonie.

Le calette della maison nel monumento storico di Toulose inscritte. Rue des Filotiers. Foto Wikimedia

Nel frattempo, l’errore di toolose inizia ad essere conosciuto in tutta la Francia e all’estero. Il primo effetto causato da quella frase e l’esecuzione invendita era di infondere un grande terrore tra i protestanti, il secondo risveglia l’interesse di Voltarie, lo scrittore, storico, filosofo e avvocato francese, uno dei maggiori rappresentanti dell’Illuminismo, grande difensore della legge a una giustizia universale.

Riabilitazione della famiglia clasas

Voltaire, la tua ricerca e trattato sulla tolleranza

Il caso delle calette ha avuto un impatto considerevole in Francia. Voltaire, avvisato dalle contraddizioni nel processo, decide di effettuare la propria indagine. Ha esaminato i documenti in cui ha basato la sentenza per tre mesi e dopo aver ottenuto il parere della vedova e intervistati con i fratelli coperti da Ginevra, Voltaire ha acquisito una convinzione intima: Marc-Antoine non avrebbe potuto essere ucciso da suo padre e alla sua morte obbedito a un suicidio. Da quel momento in poi, ha lavorato instancabilmente per ottenere la riabilitazione di Jean Calas, aumentando il numero di interventi e richieste a Versailles.

Voltarie ha iniziato a scrivere il trattato sulla tolleranza nell’ottobre 1762.Lavoro che inizia con la storia del caso di Calas, denunciando le sue incoerenze, ma ha ampliato la prospettiva del suo trattato con un’ampia riflessione sulla tolleranza: “Andiamo dalla nostra piccola sfera ed esaminiamo il resto del nostro globo”.

Voltaire, françois-marie arouet

Il 7 marzo 1763, il Consiglio del re, attraverso la sezione di cassazione, ordina all’unanimità il Parlamento di Tolosa a inviare la procedura. Quest’ultimo resisterà e non resisterà a inviarlo fino a un anno dopo, erano considerati danno dalla petizione.

Nel novembre 1763 Voltarie pubblica il trattato sulla tolleranza, il lavoro che conta il caso delle copertine per aggiungere nuove idee illustrate. Ovviamente, ha avuto un grande impatto. Contiene idee che potrebbero essere in questione secoli di fanatismo religioso.

“Il grande principio, il principio universale di uno e l’altro è, in tutta la terra: non fare ciò che non volevi essere fatto”

“Questa tolleranza non ha mai causato una guerra civile; intolleranza ha coperto la terra delle uccisioni “

” Sai che l’intolleranza produce solo ipocriti o ribelli: che falso alternativo! Infine, vorresti sostenere attraverso il boia della religione di un Dio che alcuni esecutori hanno reso perire E chi ha predicato solo la dolcezza e la pazienza? “

Voltarie. Trattato sulla tolleranza. 1763

La nuova istruzione Case Calas è durata nove mesi, ed è stata diretta da Dupleix di Bacquencourt. In questo è stato possibile ascoltare tutti i testimoni di discarico che non sono stati ascoltati a Tolosa.

Un giudice di ottanta assemblaggio ha finalmente revocato la decisione del Parlamento Tolosa il 4 giugno 1764 e ha ordinato la revisione completa del prova. Il 9 marzo 1765, Jean Calas e la sua famiglia sono stati decisamente riabilitati all’unanimità.

“Era a Parigi una gioia universale: ci siamo incontrati in luoghi pubblici, a piedi; hanno corso a vedere questa famiglia così infelice e così ben giustificato; Applaudiamo quando abbiamo visto i giudici, li riempiamo con le benedizioni “, descrive Voltaire.

div” 117316F2E4 “>

Dopo aver trascorso diversi anni in conventi in fuga dalla furia di coloro che non volevano essere d’accordo sulla loro innocenza, la signora Calas è stata invitata a Versailles Per incontrare il re Luigi XV, che le ha dato i suoi figli una pensione di 36.000 sterline.

La questione dei calas non è stata l’unico caso di odio religioso ai protestanti: il processo per Pierre Paolo servito nel 1761, con più fortuna delle calette fuggire, o il processo a François-Jean Lefebvre eseguito nel 1766; In entrambi Voltaire è intervenuto di richiedere la sua riabilitazione per la sua frase ingiusto.

Il processo di calas non ha avuto un impatto immediato sulla legislazione antiprotistarante. Era nel 1787 che Louis XVI ha deciso di firmare l’editto di Versailles, editto di tolleranza che restasse i protestanti nella sua capacità civile.

Due anni dopo, la rivoluzione francese è in corso e sconvolge il vecchio ordine: la dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino del 1789 proclama la libertà di coscienza (articolo 10) e la libertà di parere (articolo 11) :

“Art.10. Nessun uomo dovrebbe essere disturbato a causa delle sue opinioni, né anche perché delle sue idee religiose, a condizione che manifestandoli, non causano disturbi dell’ordine pubblico stabilito dalla legge.

Art.11. Dalla comunicazione gratuita di pensieri e opinioni è uno dei diritti più preziosi di L’uomo, ogni cittadino può parlare, scrivere e pubblicare liberamente, tranne quando deve rispondere all’abuso di questa libertà nei casi determinati dalla legge “

Dichiarazione dei diritti dell’uomo e dei cittadini. 1789

Nel 2015, dopo l’attacco terroristico Yihadist contro la scrittura di Charlie Hebdo, l’edizione tascabile del trattato sulla tolleranza di Voltaire che ha esaurito tutto La Francia, secoli dopo essere stata scritta è un lavoro è un riferimento contro il fanatismo religioso musulmano.

C’è un film su questo processo: Voltaire Et L’Affaire Calas. Franco-Switzerland Film pubblicato nel 2007, diretto da Francis Reusser e scritto da Alain Moreau. Puoi vederlo completo in francese qui:

VOLTAIRE ET L’Affaire BOVES.Película Franco-Sutiza de 2007
DIV ID = “42E9E7F462”>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *