Marzo 22, 2021

Dov’è l’iceberg gigante dell’Antartide 3 anni dopo?

  • home
  • notizie
  • notizie
  • Dov’è l’iceberg gigante dell’Antartide 3 anni dopo?

Il 12 luglio 2017 tutti i possessori hanno parlato di Iceberg A-68, un’enorme massa di ghiaccio di 5.800 km quadri che cominciò a staccare dall’Antartide. Ma dov’è questo gigante sul suo terzo compleanno?

iceberg, ghiaccio, larsen, A68
Durante i primi 60 giorni di 2020, A-68 Ha spostato 200 chilometri e ha superato la punta della penisola antartica.

A-68 era parte di larsen c, una sezione della piattaforma di larsen Ice, che si trova sulla costa orientale della penisola antartica. Questo iceberg è uno dei più grandi registrati, e quando distaccato, ridotto la superficie della piattaforma del 12%, cambiando notevolmente il paesaggio della penisola. Dopo aver perso due pezzi di ghiaccio, questo record dell’iceberg è un po ‘meno grande di prima, e ora che è in acque più agitate, a 1.050 km dalla sua origine, dove può rompersi ancora di più.

the Colossus Iceberg iniziò a fratturare a novembre 2016 e separati dalla piattaforma esattamente 3 anni fa, a luglio 2017, ma i primi due anni sono rimasti fluttuanti vicino alla sua origine. Solo a gennaio di quest’anno, la riduzione stagionale del ghiaccio marino al Sea Weddell ha pubblicato l’A-68 verso l’Open Ocean. Solo durante i primi 60 giorni del 2020, l’A-68 è stato scrollato a 200 chilometri e ha superato la punta della penisola, raggiungendo il limite del mare perenne del continente. Oggi è vicino alle Isole Orkney del Sud e segue un corso.

Un fatto sorprendente sull’A-68, è che nonostante le sue grandi dimensioni, il suo spessore era solo 200 m, che dovrebbe renderlo più “fragile”, ma aveva solo 2 frammentazioni dalla nascita. Ha perso un pezzo di ghiaccio quasi immediatamente dopo averlo distaccato, il che era il motivo per cui era il motivo per cui è stato chiamato A-68a, e il suo prole è diventato A-68B.

Più recentemente, in aprile 2020, la frattura si è verificata più considerevole 68a. Il 16 aprile, un pezzo di 175 chilometri quadrati e 19 chilometri da tempo era separato dal resto e formava l’iceberg A-68c. Nonostante queste perdite di massa, le sue dimensioni sono state ridotte molto poco, conserva ancora un’area di 5000 km2.

B-15: il record Iceberg

A-68 è l’iceberg più grande che esiste oggi, ma 20 anni fa è stato distaccato il più grande osservato nell’era satellitare, era il cosiddetto b- quindici. È nato dalla piattaforma di Ross Ice nell’anno 2000 e ha avuto un’area di 11.000 km2, simile all’isola della Giamaica. Misurato circa 295 chilometri di lunghezza e 37 chilometri di larghezza.

Ci sono voluti circa 3 anni per entrare a Le acque aperte, e nel corso degli anni, il B-15 è stato frammentato e continuò a vela. La sua dimensione era così colossale che nell’ottobre 2005, l’iceberg corse di fronte al Capo Adare in Victoria Terra e si è rotto in diversi pezzi più piccoli, generando segni sismici che sono stati rilevati come la stazione di Amundsen-Scott del Polo Sud.

Diciotto anni dopo, piccoli frammenti di questo super iceberg persistevano ancora vicino alle isole della Georgia del Sud e Malvinas, ma le sue dimensioni sono state rapidamente ridotte annunciando la sua scomparsa.

Nel 1956, è stato riferito che un interruttore della Marina statunitense aveva trovato una massa di ghiaccio Circa 32.000 km2, cioè più grande del Belgio. Sfortunatamente, non c’erano satelliti al momento di seguire e verificare l’osservazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *