Marzo 19, 2021

Argomento 14. – Perouse Condroma Malrar Maximum. Presentazione di un caso.

Electronic Medical Journal 2006; 28 (6)

Ospedale Insegnamento generale “Julio M Aristegui Villamil”. Cárdenas
Chondroma Malrar Maximum massima. Presentazione di un caso.
Crossroma periostic maxillomalar. Presentazione di un caso.

Autori
Dr. Juan Carlos Ariosa Argüelles (1)
Dr. Federico Valentín González (2) Dra. Gloria María Rodríguez González (3)
Dr. Juan Carlos Rodríguez Reyna (4)
E-mail: [email protected]

(1) Specialista di I Chirurgia Facial Maximum.
( 2) Specialista della chirurgia massima del viso di grado II. Assistente professore.
(3) Specialista di I grado I grado Chirurgia del viso massimo. Processore istruttore / P>

Riepilogo

Un caso è presentato con la diagnosi di condroma juxtacortical o permanente nella regione Malair a destra. Il Paziente del sesso maschile, la gara bianca e i 70 anni sono andati alla consultazione esterna dell’ospedale generale dell’insegnamento “Julio M. Aristegui Villamil” di Cárdenas, riferendosi un aumento del volume di un anno di evoluzione, asintomatico nei suoi primi 8-9 mesi , ma per quanto il dolore fosse un sintomo presente. Sono stati proceduti lo studio preoperatorio e il trattamento chirurgico. Attraverso un’incisione di Ferguson, l’eseresi è stata effettuata senza complicazioni transoperatorie. La diagnosi istopatologica era la condromazione periodica e la sua evoluzione postoperatoria era soddisfacente. Le condomini periodiche facciali sono tumori estremamente rari e la loro sfida terapeutica da parte delle sequele di deformazione e ricorrenza descritte in letteratura, quindi abbiamo deciso la loro pubblicazione.

decs:
Condroma / Diagnosi
Chondroma / patologia
Maxillary Neoplasms / Diagnosi
Maxillary Neoplasms / Chirurgia

Anziani
Introduzione

Le condomini secondo la definizione fornita da chi sono tumori benigni caratterizzati dalla formazione di cartilagine matura, ma che non presentano le caratteristiche istologiche del condrosarcoma (grande cellularità, pleomorfismo e presenza di grandi cellule con doppio nucleo o mitosi). La maggior parte si trovano centralmente all’interno della cavità midollare (Encondroma) e raramente all’esterno (Chondroma juxtacortical). Non c’è predominanza da un sesso, tra 10 e 40, (1, 2) anche se il nostro caso era in un adulto più anziano.
Questi tumori sono più frequenti nelle falanghe, ossa lunghe di mani e piedi, essendo molto raro in il mascellare (3). Clinicamente è presentato come un tumore della crescita lenta, poco doloroso nelle sue fasi iniziali, è scoperto per incidenza dopo una frattura patologica o una radiografia presa per altri motivi. Altri casi con una lunga storia di edema e poca forza del dolore viene trovato un esame radiografico e la lesione (1,4-6). I tumori della cartilagine benigna sono molto più frequenti dei maligni. Quasi l’1% dei casi sviluppa la malignità e questo dovrebbe essere sospettato se la dimensione della lesione aumenta rapidamente. (7) Radiograficamente vediamo la zona radiosulucente ben definita, ovale o arrotondata, altre volte ha un aspetto multiloculare e quando si calcola la matrice ialina appare un radiopac di spun. (1,4)

Macroscopicamente, il suo colore è Bianco Blu e Microscopicamente costituito dal tessuto cartilagineo iaalino contenente isolotti calcificati o ossessionati; La crescita viene eseguita a spese del periosteo. (1,2,7)
Il condominio presentato in questo caso è classificato come giustacorbidico o periodico e dopo il suo studio preoperatorio abbiamo deciso di eseguire eseresi chirurgica in blocco per evitare la recidiva.
I pochi casi riportati nella letteratura ci motivano alla sua pubblicazione.

Presentazione del caso

Paziente maschile di 70 anni, gara bianca, con una storia di buona salute preliminare che va alla consultazione esterna facendo riferimento ad aumentare il volume nella regione maxillomalare destra di un anno di evoluzione. Il suo corso era asintomatico nei primi 8 a 9 mesi dopo il suo aspetto, ma in consultazione si riferisce già a un dolore moderato negli ultimi mesi che prende la terza metà del viso.

Esame fisico

Ispezione: è Aumento del volume osservato del diametro di 5 cm nella regione massima del Mallar destra. La pelle che copre ha un eritema leggero, non esplorando altri segni infiammatori. (Vedere la figura n. 1)

Palpazione: Palpal solida massa di superficie liscia e limiti precisi che rispetta sia la flangia infraorbitaria che la giusta emiaria mascellare. Non troviamo le adenopatie cervicali.

Studi di laboratorio clinici: entro i limiti normali.

Studi Imagen: è stata eseguita RX (ACQUA), osservando una lesione un po ‘radiosulculenziale con limiti precisi delimitati da un sottile cortical osseo.

condotta terapeutica: exeresi tridimensionale del tumore per biopsia ecclesiatica (vedi figure n. 2 e 3).

/ P>

Figura n. 2 Letto chirurgico.

figura n. 3 Conclusione del chirurgico atto.

Relazione istopatologica: Condroma Mallar Maximum

Il periodo postoperatorio ha speso con successo senza Sepsi e con risultati estetici accettabili.

Discussione

La condroma è un tumore che, sebbene, nonostante l’aspetto raro nella regione possa causare deformità, così come la compressione di importanti strutture anatomiche, con le conseguenti conseguenze, da qui la necessità Per un’attenta sfortuna.
Per molti autori, il suo trattamento adeguato è il curettage seguito o meno la cauterizzazione chimica. Se la cavità è grande, deve essere riempita con innesti ossei o altri biomateriali. Se il curettage non è completo, c’è una tendenza alla recidiva e il trattamento di esso deve essere più aggressivo. (1, 2, 8-10)
Un’altra alternativa terapeutica raccomandata in letteratura con risultati magnifici è radiochirurgia stereotactica. (11)
Con la realizzazione di questo lavoro dimostriamo l’efficacia del blocco nel trattamento di una condroma facciale, poiché nella nostra esperienza il Curettage a volte è un procedimento insufficiente nella rimozione di questi tumori, evitando così loro le recidive descritto da diversi autori.

Riferimenti bibliografici

1.gil f, Santana J. condromas. L’Avana: Minsap; 2005.
2. Mahiques A. Confrontomi. L’Avana: Minsap; 2005.
3 Avellaneda A, sinistra M. Maffucci Sindrome. L’Avana: Minsap; 2004.
4.Santana Garay JC. Atlante della patologia del complesso orale. L’Avana: tecnica scientifica; 1985. P.180.
5. Morgan E. Disordine di ossa, giunture e muscoli. 2006
6. PAUMIER L. OsteocondRomatosis multiplo. Medwave 2003; 10: 56.
7.González Blanco f, Ballesteros R. patologia e patogeneo.manual della patologia generale. Cile: Università cattolica del Cile; 2006.
8.Bracho J, Pausa G. cutanea. Gazzetta dermatologica ecuadoriana. Quito, Ecuador: Dermatologia; 2005.
9.Lopez Flores G, Cruz García O, Fernández Melo R, Fernández Albán M. Alfonso Sabatier C. osteochondroma dell’articolazione di Atlanto occidentale. Approccio esterno laterale transcondile. Rapporto di un caso; 2006.
10. TECKE R W. Patologia orale. USA: Mc.Graw-Hill; 1995.P. 290-1.
11. SQALVADOR SOMOZA P. Radiochirury stereotáctic.espeña: Società di radiochirurgia spagnola; 2005.
Riepilogo

Presentiamo un caso diagnosticato come condominio juxtacortical o periostico sulla regione di Maxilomalar giustacorticale. Il paziente maschio, bianco, da 70 anni ha partecipato all’ufficio del medico esterno dell’ospedale di insegnamento generale “Julio M. Aristegui Villamil” di Cardenas. Ho fatto riferimento a un aumento del volume di un anno evoluzione, asintomatico nei primi 8-9 mesi , Ma dopo che il dolore era un sintomo costante. Abbiamo proceduto a uno studio predisurativo e un trattamento chirurgico. L’exeresi è stata fatta attraverso l’incisione di una Ferguson senza complicazioni transsurgery. Alla condroma periostica è stato il risultato della diagnosi istopatologica. L’evoluzione della persirgery era Soddisfacente. Le condomini periostici facciali sono tumori molto rari e le sue terapeutiche un’intera sfida si siedono recidivando e deformare i sechi descritti in letteratura. Per questo motivo abbiamo deciso di pubblicarlo.

maglia:

Confrontoma / diagnosi
Chondroma / Chirurgia
Chondroma / patologia
Mascellare Neoplasms / Diagnosi
Mascellare Neoplasms / Chirurgia

Come citare questo articolo

Ariosa Argüelles JC, Valentín González F, Rodríguez González GM, Rodríguez Reyna JC. Perouse Condroma Mallar Maximum. Presentazione di un caso. Mid Electrone 2006; 28 (6). Disponibile in URL: http://www.cpimtz.sld.cu/revista%20medica/ano%202006/vol6%202006/tema14.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *